Esprimere-le-proprie-idee-L-attimo-fuggente


I docenti del Liceo Virgilio, nel pomeriggio del 21 novembre, si sono riuniti in una partecipata assemblea e, dopo un’analisi dei fatti recenti, preso atto della campagna di stampa in corso, condannano fermamente l’esposizione  mediatica lesiva a cui è stata sottoposta la scuola e  concordano con valutazioni comuni sui seguenti punti:


  • Non si riconoscono nell’immagine della propria  scuola che viene proposta, che mette in cattiva luce tanto la componente studentesca quanto quella dei docenti,  deformando la realtà e facendo apparire il Liceo come un luogo ai margini della legalità. La realtà quotidiana è ben diversa: gli studenti vivono  la scuola come luogo di formazione e di crescita culturale e civile interagendo in un clima di confronto, dialogo e dialettica costruttiva.
  • Evidenziano la realtà eterogenea e composita in cui convivono e si confrontano alunni di diversa estrazione  sociale e culturale, la quale ha sempre caratterizzato il Liceo Virgilio, costituendone un punto di forza sul piano della integrazione e della formazione.
  • Ricordano che i problemi relativi alle criticità della crescita adolescenziale,  comuni a tutte le  realtà scolastiche, sono sempre stati affrontati all’interno dell’Istituto, e continuano ad essere affrontati, in modo non occasionale ma strutturale, attraverso la realizzazione di  progetti ed iniziative mirate alla crescita personale, alla maturazione di un consapevole senso di  responsabilità nell’ottica della cultura della prevenzione e non della costrizione.
  • Rivendicano  la  solidità della formazione che viene offerta agli alunni, sia attraverso le  attività curriculari, sia nelle molteplici iniziative proposte.
  • Ribadiscono che  le scuole non si chiudono mai, ma si sostengono sempre, come insegna la  nostra Costituzione.
  • Si interrogano su quali possano essere le ragioni più profonde della  sovraesposizione mediatica della scuola.
  • Ritengono rassicurante la  nota del  20 novembre 2017 della Questura di Roma, che afferma:

“Non sono emersi  elementi che facciano pensare a traffico di droga né, tantomeno, atteggiamenti violenti ed intimidatori da parte degli studenti.”

  • Puntualizzano che al momento non risulta un numero anomalo di richieste di  trasferimento ad altri istituti.
  • Confermano che il primo Open Day si terrà il 15 dicembre, come programmato.

 

Susanna Giansanti, Antonella Scarpellino, Valentina Canizzo, Claudia Di Cave, Luca Garbini, Daniela Cardone, Licia Sdruscia, Pasquale Spinelli, Veronica De Blasio, Michela Mastroddi, Veronica D’Appollonio, Anna Rita Possidoni, Paolo Lipartiti, Francesca Bernardo, Eleonora Citracca, Fernando Latorre Romero, Emiliano Marchetti, Giusi Spina, Giovanna Lo Fiego, Barbara Scalzo, Marco Scialanga, Noemi Cogorro Ocana, Antonella Patini, Aquilina Ticchi, Maria Vittoria Inzani, Ida Cota, Roberto Fantini, Enrica Reinaldi, Carmelo Pizza, Stefano Guerriero, Monja Marconi, Antonella Giglio, Manuela Terribile, Federica d’Amore, Elena Cappello, Cinzia Di Cicco, Niccolò Argentieri, Livia Bidoli, Alessandra Cassiani, Steve Philips, Marina Ciai, Annamaria Miele, Viviana Aureli, Francesca Esposito, Eugenio Quarantini, Marina Degrassi, Paola Orsucci, Viviana Aureli, Febronia Campisi, Liana Sarra, Maria Vittoria Inzani, Mathilde Asselberghs, Daniela Napoleone, Carla Santarelli, Emiliano Marchetti, Vanda Di Pastena, Stefania Persico, Marie Béatrice Rizzi, Rossana Annacondia, Anna Rita Scalesse, Annamaria Forti, Emanuela Sbolgi, Stefania Zezza, Giorgio Inguscio, Emanuel Vigil, Giorgio Smerilli, Daniela Bizzarri, Ines Errico, Carlo Carossino.